Sempre più paesi vietano gli animali nei circhi


14 novembre 2017

L’uso di animali nei circhi è proibito velocemente in sempre più paesi. Solo nel mese di novembre, l’India, l’Italia e l’Irlanda hanno scelto per un divieto. In tutto ci sono adesso 42 paesi in tutto il mondo che vietano l’uso degli animali nei circhi. Le organizzazioni per il benessere degli animali e gli scienziati sottolineano che l’uso di animali per scopi d’intrattenimento è irresponsabile e datato.

Diverse relazioni scientifiche dimostrano che il benessere di animali selvatici nei circhi viaggianti non è sufficientemente garantito e consiglia di vietare l’uso degli animali nei circhi. Sempre più governi danno ascoltano a questo. Nel mese di novembre, l’India, l’Italia e l’Irlanda hanno imposto un divieto agli animali nei circhi.

L’Autorità Centrale per gli Zoo (CZA) dell’India ha deciso che i circhi non possono più esporre o far fare spettacoli agli animali selvatici. L’uso di scimmie, leoni, orsi e tigri per l’intrattenimento è già stato vietato nel 1998, ma gli elefanti potevano ancora essere utilizzati negli spettacoli. D’ora in poi, anche gli elefanti non possono più essere usati. Tutti gli elefanti che erano usati in India in circhi ora vanno in centri di riabilitazione per animali.

Anche il Parlamento italiano ha imposto un divieto per l’uso di tutte le specie d’animali in circhi e spettacoli viaggianti. Attraverso un decreto si stabiliranno entro un anno norme per attuare la nuova legislazione per eliminare tutti animali dai circhi in fasi. Questo è un importante passo avanti per il benessere degli animali, in quanto l’Italia ha una delle più grandi industrie del mondo del circo: con in tutto circa 100 circhi con 2.000 animali.

Infine, Michael Creed, il ministro irlandese dell’agricoltura, ha annunciato questo mese che ci sarà il divieto di utilizzare animali nei circhi irlandesi a partire dal gennaio 2018. Con questo, l’Irlanda divenne il 20° Stato membro dell’Unione europea che mette fine all’uso degli animali per l’intrattenimento nei circhi.