Ambiente, clima ed energia


La capacità di resistenza della terra deve essere in prima linea in ogni scelta politica. Stare attenti con la terra non dovrebbe essere una frase vuota ma è letteralmente di vitale importanza. Il nostro pianeta ci fornisce aria pulita, acqua, un suolo sano e le materie prime di cui abbiamo bisogno per la sopravvivenza di esseri umani e animali.Se siamo attenti a ciò, un futuro sostenibile è garantito per le generazioni future di persone e animali. Solo perseguendo una decisa politica ambientale e adeguando il nostro comportamento di consumo possiamo rimanere all'interno della capacità di resistenza della Terra.

Per mantenere la Terra vivibile, i cambiamenti climatici e l'inquinamento ambientale devono cessare il più velocemente possibile. Per questo è necessario ridurre drasticamente le emissioni di gas serra, proteggere le risorse naturali ed essere parsimonioso con minerali preziosi.

Se ogni cittadino del mondo consumasse come l'europeo medio in questo momento, avremmo bisogno di quasi tre globi. Il sovra-consumo occidentale non solo trascende la capacità di resistenza della Terra, ma mina anche la posizione di persone e animali nelle aree più povere del mondo. Loro sono colpiti per primi e più duramente dall'esaurimento delle risorse naturali, dall'accaparramento della terra, dalla siccità e dalle inondazioni. Aziende europee violano regolarmente i diritti umani e sono colpevoli di un grave inquinamento ambientale, spesso nei paesi in via di sviluppo.

Noi vogliamo una politica per il clima l'ambiente forte: fissare obiettivi ambiziosi per ridurre i gas serra, rendere l'energia pulita e rinnovabile e migliorare la qualità dell'aria e dell'acqua. I costi del cambiamento climatico globale possono essere dimezzati se lasciamo carne, pesce e prodotti caseari più spesso e iniziamo a mangiare più a base vegetale. La produzione di carne nel mondo causa il 40% in più di emissioni di gas a effetto serra rispetto a tutto il traffico e i trasporti messi insieme.

Collegato

Il (candidato-)commis­sario europeo per il clima nega la necessità ecologica di un minor numero di animali nel settore zootecnico

La frazione europeo del Partito per gli animali (PvdD) ha posto ulteriori domande scritte al candidato commissario per il clima per l'Unione europea (UE), Frans Timmermans. Il partito per ora non ha intenzione di sostenere la sua candidatura. Durante l'audizione al Parlamento europeo della scorsa settimana, Timmermans ha negato la necessità di una riduzione del numero degli animali nel settore zoo...

Notizie