Worldlog Settimana 23 – 2011


10 giugno 2011

Questa settimana ho fatto una intervista con la novenne Roos ‘t Hart sul maltrattamento di animali. Fra due settimane deve fare un tema in classe e questa intervista era parte della preparazione. Fantastico che la compassione con gli animali comincia cosi giovane!

Questa settimana ha prestato giuramento il Senato e si, ci siamo di nuovo con il primo senatore del mondo per i diritti degli animali. Ho offerta al nostro senatore Niko Koffeman un mazzo di verdure al suo giuramento: una congratulazione per lui ed un supporto morale per i coltivatori olandesi di verdure per il protrarsi della crisi alimentare causa il batterio e.coli. Questa settimana c’è stato un dibattito in plenaria sul batterio e.coli. Abbiamo ottenuto che il governo farà una ricerca sulla possibile relazione tra impianti di fermentazione di letame e l’e. coli batterio e l’eccessivo utilizzo di antibiotici nel’industria zootecnico. Sempre più persone ed animali sono vittima di scandali alimentari e crisi di malattie-animali.

Il nostro partito gemello PAN ha ottenuto durante le elezioni nazionali portoghese 1,04 percento, a Madera anche il 1,7 percento. Un ottimo partenza! Li aiuteremo nella crescita affinché non solo in olanda mana in Portogallo il benessere dei animali ottiene una posizione prominente nelle prese di decisione della politica.

Fortunatamente i cani randagi in Romania non vengono ammazzato in massa. Sotto forte pressione internazionale il governo Rumeno ha deciso di rinunciare alla modifica di legge che avrebbe reso possibile di uccidere 3 milioni di cani randagi. Anche il Partito per gli Animali ha messo pressione sul governo Olandese per prendere azione contro la modifica della legge Rumena. Che avrebbe portato i cani randagi d un fine terribile. Il governo Rumeno adesso, assieme a delle associazioni di protezione animale creerà dei programmi di sterilizzazione e accoglienza.

Alcuni immagini bellissimo, magari anche forte, dell’eruzione del vulcano in Cile.

E per finire una grandiosa notizia dall’Australia. La nazione interrompe temporaneamente l’esportazione di bestiame vivo verso l’Indonesia. Questo come risposta alle immagini terribile dai macelli dall’Indonesia di cui vi ho parlato la settimana scorsa.

Questi abusi in Indonesia devono essere combattuti duramente.

Alla prossima settimana,

Marianne