Worldlog Settimana 37 – 2009


11 settembre 2009

La settimana prossima in Olanda sarà 'Prinsjesdag', il giorno di apertura del parlamento. Durante la tradizionale 'sfilata dei cappelli' delle donne, porterò un cappello da cuoco, sul quale abbiamo ricamato 'Meat Free Mondays' per sostenere la campagna di Paul McCartney, che invita ad almeno un giorno di dieta vegetariana a settimana.

La scorsa settimana abbiamo dibattito nel parlamento olandese sul divieto di pesca dell'anguilla.

Questi animali meravigliosi, che, per riprodursi, si arrampicano persino sulle pareti e percorrono distanze enormi, sono in via d'acuta estinzione. Nonostante ciò, quasi l'intera politica olandese sostiene la pesca di questi animali, probabilmente finché l'ultimo non sia stato ucciso.

Il ministro Verburg ha perorato un divieto di pesca di alcuni mesi all'anno, però gli specialisti dicono che anche questo sarà soltanto una soluzione temporanea.

La scorsa settimana abbiamo anche dibattito sulla soia sostenibile. E' sconvolgente di vedere come i politici e le organizzazioni sociali fanno tutto il possibile per chiamare 'sostenibile' la soia 'roundup ready'. Aprono così la strada a Monsanto con i suoi semi patentati ed i suoi pesticidi, un caso lucrativo per l'una delle imprese multinazionali più dominanti nel campo del nostro approvvigionamento alimentare.

Difendiamo l'ammissione esclusiva della soia non geneticamente modificata e siamo contro l'uso di pesticidi. Poi, vogliamo che la coltura delle proteine vegetali si organizzi regionalmente e che si presti più attenzione al lupino ed al tarwi. Sono fonti di proteine molto interessanti e inoltre sono buoni per il sovescio.

Questa settimana l'Ufficio olandese per la Valutazione Ambientale, una delle istituzioni consultive più importanti del governo olandese, ha proposto un dibattito sociale sulla diminuzione del consumo di proteine animali. Secondo l'Ufficio bisogna consumare meno carne, pesce e prodotti lattiero-caseari.

E' proprio questo il messaggio che abbiamo espresso in Meat the Truth nel 2007, all'epoca fortemente deriso dalla politica olandese. Ormai, nel mondo intero ci sono scientifici che lavorano a un libro che porterà lo stesso titolo, Meat the Truth. Il libro fonderà in modo scientifico la necessità di un cambiamento sostenibile nel campo delle proteine.

La pubblicazione del libro è prevista per la fine di quest'anno. Se hai suggerimenti per gli scientifici che potrebbero partecipare alla creazione del libro, fallo sapere al nostro ufficio scientifico, la Nicolaas G. Pierson Foundation. Manda un'e-mail a info@ngpf.nl.

Alla prossima settima!

Marianne