Worldlog Settimana 41 – 2012


8 ottobre 2012

Il 4 ottobre era “World Animal Day”. Ho invitato la gente a dare una giornata libera agli animali e a riflettere durante questa giornata sulle nostre possibilita’ di trattare gli animali con piu’ rispetto. Molti mi hanno detto che il 4 ottobre riflettono su una giornata “NonMangiareAnimali”, che bello! Vi sono anche piu’ di cento aziende olandesi, tra quali alcune aziende molto importanti come ad esempio Vodafone, Bol.com e Toyota, che hanno partecipato alla giornata NonMangiareAnimali, organizzata dall’organizzazione per il benessere degli animali “Wakker Dier” (Animale sveglio). Queste aziende avevano un menu vegetariano nel loro ristorante, stiamo andando nella direzione giusta 🙂 .

Il 4 ottobre ad Amsterdam ha aperto una mostra particolare di fotografia, dimostrando la storia dietro gli animali di Fukushima. Durante la mostra di fotografia si possono vedere le foto di animali (di casa) abbandonati dopo il disastro nucleare a Fukushima (Giappone) nel 2011. Ora che l’uomo ha reso Fukushima inabitabile, viene lasciato agli animali… Potete visionare quattro di queste foto qui.

Il disastro nucleare a Chernobyl, gia’ 25 anni fa, ha causato un “Animal Takeover” dall’ambiente. Il filmato mostra Chernobyl di oggi e fa vedere chiaramente perche’ dobbiamo smettere di utilizzare l’energia nucleare. I rischi sono semplicemente troppo grossi.

Al Boston Globe, The Big Picture, una memoria bellissima di una giornata mondiale per gli animali. Quanto e’ bello il regno degli animali!

Esiste un filmato tedesco molto chiaro, semplice ed interessante, sul consumo di carne a livello mondiale e i problemi causati da esso. Per chi di voi parli tedesco, guardate “Carne Mangia Gente” su http://t.co/SLuedAAU e convincete la vostra famiglia, amici e conoscenze di mangiare meno carne.

La settimana scorsa la Camera ha avuto un dibattito sull’accordo che e’ stato presentato lunedi’ dei partiti VVD e PvdA, che stanno cercando di formare un governo insieme. Se mai ci fosse stata un’opportunita’ di rendere piu’ “verde” la societa’, in questo accordo non se ne trovi neanche traccia. L’accordo conferma una gestione “business as usual”, mentre il leader del partito PvdA, Diederik Samsom, aveva la possibilita’ di lavorare su un governo che rispetti la sostenibilita’ e l’empatia. Mi spiace molto che la responsabilita’ dell’impatto negativo del nostro stile di vita non venga riconosciuto e il conto viene passato ai nostri figli, mentre abbiamo gia’ un deficit di oltre 30 percento da punto di vista ecologico.

Durante una trasmissione televisiva olandese molto popolare (De Wereld draait door: il mondo gira), e’ stato promosso il consumo di rane questa settimana. E’ veramente incredibile. Ho quindi posto delle domande alla Camera. A mio avviso la promozione di crudelta’ come la preparazione delle rane, non fa parte delle responsabilita’ dei canali pubblici della televisione. Da anni stiamo lavorando per un divieto legislativo per l’importazione e il consumo di rane nei Paesi Bassi. Inoltre, non esiste nessun tipo di controllo sulla quantita’ del consumo di rane nei Paesi Bassi ne in Europa. Ci vuole attenzione per il benessere e la tutela delle rane!

A presto, Marianne