Worldlog Settimana 24 – 2011


17 giugno 2011

Questa settimana c’è stata la seduta nel Parlamento riguardante la nostra proposta di legge per vietare la macellazione rituale senza l’uso di anestetici. Durante la seduta scienziati e rappresentanti della comunità islamica ed ebrea hanno dato la loro visione sulla proposta di legge. Membri del parlamento con il benessere animale nel loro portafoglio erano anche presenti. Dopo questa seduta ho piena fiducia che il parlamento Olandese sarà in grado di fare una corretta e indipendente valutazione. Non ci sono ancora segnali affinché non otteniamo una maggioranza nel parlamento, La votazione sulla proposta di legge probabilmente avviene prima del 1° luglio. La seduta plenaria conclusiva si svolgerà mercoledì sera prossimo.

Il nostro ufficio scientifico, la Fondazione Nicolaas G. Pierson (NGPF) ha pubblicato un nuovo video-documento sui retroscena della macellazione kosher come preparazione della nostra proposta di legge per il divieto della macellazione rituale senza l’uso di anestetici. La NGPF ha chiesto più volte i rappresentanti dell’unico macello ebreo nei Paesi Bassi e della chiesa Israeliana in olanda se potevano fare delle riprese della macellazione kosher. Questa richiesta è stata respinta più volte. Per questo motivo la NGPF ha fatto un video-documento, basato su immagini disponibili sulla macellazione kosher in altri paesi. Clicca qui per le immagini. Attenzione, le immagini sono scioccanti.

Ho scritto un articolo opinionista riguardante il batterio e. coli e la ricerca della sua causa. Nell’articolo “Notizie dei cetrioli nasconde un problema di pericolo letale: letame” ho affrontato come la paura persistente per il batterio e. coli causa uno sciopero degli acquirenti di tutti prodotti agricoli che sono messi in collegamento con questo batterio aggressivo, insalubre o addirittura mortale, che secondo l’istituto tedesco Robert Koch è resistente a una dozzina di tipi di antibiotici di otto categorie. La domanda come un batterio può sviluppare una tale resistenza agli antibiotici, e in particolare dove questo può accedere, non viene quasi mai posto.

Questa settimana c’è stato nel Parlamento un dibattito riguardante la polizia animale. Ci sono 125 agenti in addestramento per essere operativi alla fine di quest’anno come agenti per gli animali. Sottosegretario Bleker, di Agricoltura, ha fatto riferimento negli ultimi mesi più volte all’utilizzo della polizia animale per il controllo e il rispetto del benessere animale. Adesso che per la prima volta l’attuazione della polizia animale sta concretamente sull’agenda del parlamento nessuno dei partiti della coalizione ha ritenuto necessaria che il sottosegretario dell’agricoltura fosse presente per rispondere a delle domande. Noi riteniamo scandaloso che i piani, sempre più spogli, per la polizia animale debbano essere discusso solamente con il Ministro degli Interni, e per questo motivo non abbiamo partecipato al dibattito.

Il Partito per gli Animali ha come unico partito di opposizione sostenuto l’introduzione della polizia animale. Già adesso ci sono migliaia di segnalazioni di abbandono o maltrattamento di animali. La capacità di indagare sulle segnalazioni è molto ridotta. Fino a quando non è chiaro quale sarà il compito concreta della polizia animale per il governo la polizia animale comincia sempre ad assomigliare ad un spaventapasseri.

Alla fine ancora buone notizie dall’Italia. Il fine settimana scorso il popolo Italiano ha votato in un referendum in massa contro l’energia nucleare. Più del 94 percento è contrario alla reintroduzione di centrali nucleari nel loro paese. Germania dice no, la Svizzera dice no, il Giappone dice no e adesso anche Italia dice no ma Mark Rutte e Maxime Verhagen vogliono continuare. Incredibile!

Alla prossima settimana,

Marianne