Blog di Esther: Andiamo verso un 2021 piu’ verde e meglio per gli animali


16 dicembre 2020

Sta arrivando il periodo festivo e il capo d’anno. Per molte persone e’ un periodo di riflessione e di decidere di cambiare alcune cose nella vita nel prossimo anno. Anche i politici qui nei Pasei Bassi possono prendere il tempo durante le ferie dal 18 dicembre per riflettere. E’ molto necessario, poiche’ come ho gia’ scritto all’inizio del 2020; il mondo e’ a un punto di cambio e i prossimi anni saranno fondamentali. La coronacrisi ha avuto molto effetto sul 2020, ma ha anche dimostrato che possiamo prevenire molti problemi nel futuro, cambiando come trattiamo gli animali e la natura.

Un altro modo di trattare gli animali

Dovete accettare i cookies prima di poter guardare questo video

Documentario Dominion compreso sottotitoli in 30 lingue.

Durante uno dei miei ultimi dibattiti, ho di nuovo chiesto l’attenzione per il destino di miliardi di animali che sono abusati ed uccisi per ad esempio la nostra industria del bestiame e di moda, come la pelliccia e la pelle. In tutto il mondo sono allevati, abusati ed uccisi circa 134.000 animali al minuto. Se ne volete sapere di piu’, guardate l’impressionante documentario Dominion.

Fortunatamente sempre piu’ gente sceglie di non supportare piu’ questo sistema. Vede che la nostra presente gestione degli animali va contro i nostri valori umani. Sempre piu’ persone nel mondo optano quindi per i prodotti vegetali. Sono incorraggiati da organizzazioni come Lebanese Vegans (Libanon), con chi abbiamo organizzato un bellissimo webinar il sabato scorso.

Molta sofferenza degli animali nell’industria della moda e del bestiame rimane nascosta. Sono convinta che ancora piu’ persone smetterebbero di comprare i prodotti provenienti da animali come la carne e i lattici, se i nostro governi assicurassero una massima trasparenza, se dimostrassero onestamente cosa succede con gli animali e quanto impatta negativamente sul nostro habitat e sulla nostra salute.

Ora invece sono usati molti soldi dalle tasse dei cittadini per fare della pubblicita’ ingannevole per i prodotti derivati da animali. E questo mentre i costi per la societa’ dell’industria del bestiame sono enormi. Per i cittadini olandesi che pagano le tasse, questi costi sono di circa 6.5 miliardi di euro all’anno. Cambiando verso un sistema alimentare vegetale, possiamo quindi risparmiare molta sofferenza per gli animali e per l’ambiente, ma anche soldi! Un bel piano quindi per il 2021!

Se doveste voler provare a mangiare piu’ vegetale nel 2021, potrete trovare qui delle ricette belle e potete registrarvi per una ‘sfida’ dove potete provare a mangare in modo vegetale per 22 giorni. E se volete sapere perche’ e’ una buona idea per la vostra salute, guardate in questi giorni festivi ad esempio il documentario Game Changers.

Risoluzioni per i governi

Dovete accettare i cookies prima di poter guardare questo video

Campagna Lottate per 1 punto 5 di Fridays for Future.

Il mondo sta gestendo varie crisi. In tutto il mondo i cittadini si attivano per cambiarlo. Ad esempio esiste il movimento internazionale “Venerdi’ per Futuro” (Fridays For future) dove molti giovani (come Gretha Thunberg) fanno campagna e pretendono che i loro governi tuteleranno finalmente il loro futuro. Vedete qui le campagne nel vostro paese. Una delle campagne piu’ recenti e’ Lottate per 1 punto 5, intesa per mettere sotto pressione i governi per fare cio’ che e’ necessario per limitare il riscaldamento della terra fino a 1.5 gradi, come concordato nell’accordo di Parigi. E’ bello vedere come i giovani invece si prendano la loro responsabilita’!

I governi in paesi ricchi come i Paesi Bassi, dovrebbero fare molto di piu’ in poco tempo per prevenire la destruzione della nostra natura, le nostre acque, la terra fertile e tutte le altre cose fondamentali per la vita. Perche’ sono proprio quei paesi che hanno esaurito la maggior parte della terra e che ancora supportono le aziende grandi inquinanti.

Il Partito per gli Animali continua quindi ad insistere col governo olandese di fermare ad esempio gli investimenti nell’industria del bestiame sprecante ed inquinante e nelle aziende fossili. Questi soldi dovrebbe essere giusto investiti nella salute dell’uomo e l’animale, in guadagni climatici, nella natura e nei posti di lavoro nelle industrie sostenibili. Ad esempio questo mese abbiamo chiesto al governo olandese di non spendere ancora 10 milioni di euro nelle energie fossili sull’isola di Bonaire. Li’ l’idustria del petrolio ha proprio fatto dei casini. Propaghiamo l’investimento nell’energia pulita, poiche’ specialmente il clima intorno a Bonaire si presta bene per l’energia eolica e solare.

La settimana scorsa l’organizzazione Occhi su Animali (Eyes on Animals) e’ di nuovo venuta fuori con delle immagini di horror che dimostrano cosa succede con i vitelli che sono trasportati dai Paesi Bassi tramite paesi come la Spagna verso ad esempio il Libanon. Si tratta di sofferenza degli animali grave e di abuso. Questo tipo di pratica non e’ eccezzionale. Cio’nonostante il governo olandese investe molti soldi nel supporto di tali trasporti orrendi con animali vivi. Addirittura le mucche incinte sono trasportate a paesi come la Russia con degli incentivi statali. Quest’anno il governo olandese ha supportato anche il progetto di pollame in Egitto.

Cosi’ i paesi ricchi promuovono quindi la sofferenza degli animali, l’inquinamento, l’esaurimento di acqua e la destruzione della natura nei paesi che gia’ sono di loro vulnerabili. Facciamo di tutto per fermarlo.

Abbiamo anche richiesto il mese scorso che la destruzione della natura sia riconosciuta come atto criminale e quindi che l’ecocidio diventi punibile. Cosi’ si potrebbero portare in tribunale a livello internazionale le aziende ed i paesi che fanno danni severi all’ambiente. Tra poco faremo una proposta dettagliata su questo argomento!

Questo e’ il mio ultimo blog del 2020. A nome della squadra del Partito per gli Animali, vi auguro tutti un periodo festivo pieno di amore, pace e amore per gli animali.

Ci rivedremo nel 2021, quando insieme lotteremo di nuovo con rinnovato corraggio per un cambio positivo.

Esther Ouwehand
Leader del Partito per gli Animali