Il Blog di Esther: Idealismo è il nuovo realismo!


25 novembre 2020

Come ho già detto più volte quest’anno: siamo a un punto di svolta. I cittadini di tutto il mondo stanno scendendo in massa per le strade per chiedere azioni per il clima. Soffia un vento di cambiamento. Varie misure che il Partito per gli Animali e i nostri partiti gemelli hanno sostenuto per anni e che in precedenza sono stati ignorati come idealismo irrealistico, ora si rivelano passi necessari che gli scienziati ritengono dobbiamo adottare per mantenere il nostro pianeta vivibile e proteggere la nostra salute. Alcuni esempi:

- Un numero crescente di persone non vuole più partecipare all'industria del bestiame. Il numero di persone che non consumano più carne e latticini sta crescendo rapidamente. I migliori scienziati sottolineano l'impatto distruttivo degli allevamenti di bestiame e persino i politici di partiti più grandi e affermati chiedono una radicale riduzione del settore.

- Il sostengo per accordi di libero scambio, che portano all'aggravarsi dei problemi ambientali e l'ulteriore violazione dei diritti umani e degli animali si sta sgretolando.

- Sempre più persone si rendono conto che l'attuale sistema economico non serve più i nostri valori umani. Politici di partiti tradizionali stanno pubblicamente diventando sempre più a disagio riguardo alle conseguenze delle loro politiche neoliberali. Gli azionisti sono diventati ricchi, ma il cittadino comune è rimasto escluso da tutto. Sempre più economisti lo dicono: dobbiamo andare verso un’economia che non supera i limiti di ciò che la Terra può sopportare e dove è garantito il benessere di uomini e animali.

In breve: la realtà mostra che dobbiamo fare scelte radicalmente diverse. E l’ora del Piano B: L’idealismo è il nuovo realismo!

Dovete accettare i cookies prima di poter guardare questo video

Un'animazione di Greenpeace che spiega come l'industria del bestiame sta distruggendo il nostro pianeta. La carne, ad esempio, è la principale fonte di deforestazione.

Piano B
“Piano B: Idealismo è il nuovo realismo” è anche il titolo del nuovo programma elettorale del nostro Partito per gli Animali. Ci saranno le elezioni per la Seconda Camera nei Paesi Bassi nel marzo del prossimo anno. La scorsa settimana abbiamo presentato il nostro programma elettorale e a dicembre lo renderemo anche disponibile in inglese.

Nel programma mostriamo che in realtà è molto strano che due terzi della nostra superficie sia destinata all'agricoltura. Gran parte di questa superficie nei Paesi Bassi usiamo per i prodotti di esportazione dagli allevamenti di bestiame: per inviare carne di maiale in Cina e formaggio in Canada. Ciò deve finire! Il nostro settore zootecnico non nutre il mondo, ma piuttosto lo prosciuga. Scienziati dall’università di Oxford ed altri atenei concludono che effettuando una transizione verso alimenti più vegetali piuttosto che animali, possiamo usare la nostra scarsa terra in modo molto più efficiente. Potremmo così nutrire più persone, con meno terreno agricoli, meno inquinamento e meno sofferenze per gli animali.

Ciò significa che viene liberata terra agricola che possiamo restituire alla natura e quindi lasciare che il nostro pianeta rifiorisca. Così potremmo persino utilizzare un pezzo di terreno agricolo per fornire alle persone il diritto fondamentale a una casa sostenibile ad un prezzo accessibile. I piani del Partito per gli Animali si concentrano sulla creazione di posti di lavoro verdi e fornire un'alternativa a prova di futuro per gli agricoltori. Un giusto reddito per tutti noi invece di sussidi per le multinazionali inquinanti. Noi mettiamo la salute dell’uomo e degli animali al primo posto.

Non c'è tempo da perdere e c'è un mondo da guadagnare. Con il nuovo programma elettorale, continuiamo quindi ancora di più con la nostra politica allegra e attivista per un pianeta vivibile - per tutti i suoi abitanti!

Cambiamento positivo

Cane procione.

La corona pandemia ha chiarito che dobbiamo trattare in modo radicalmente diverso gli animali e la natura. Questo sta entrando lentamente anche nelle politiche di vari governi. Grazie agli sforzi del Partito per gli Animali e di molti cittadini, l'industria della pelliccia dei Paesi Bassi sarà un ricordo del passato all'inizio del 2021. La Danimarca recentemente è entrata in lockdown a causa delle corona-mutazioni negli allevamenti dei visoni, che infettano anche gli esseri umani. Il governo danese ha ora chiuso gli allevamenti di visoni. Il nostro partito gemello danese Veganerpartiet chiede anche lì la chiusura definitiva dell'industria delle pellicce. Giustamente! L'industria non può ricominciare a fare a scapito della salute pubblica e sulle spalle di milioni di animali innocenti.

Questo mese è stata accettata anche una proposta del Partito per gli Animali per vietare l'importazione di prodotti di pelliccia. Nei Paesi Bassi, cappotti di cane procione a buon mercato sporco vengono importati in modo massiccio, tra l'altro, dalla Cina e venduti come colletti di pelliccia su cappotti invernali. L'industria delle pellicce è un inferno per i cani procione. Grazie alla nostra proposta adottata, il governo dei Paesi Bassi deve ora lavorare alla realizzazione di un divieto europeo di importazione di prodotti della ripugnante industria della pelliccia.

Parlando di Europa, la nostro squadra nel Parlamento europeo ha inferto un altro colpo alla pratica barbara della corrida. Grazie alla nostra proposta i paesi dell'Unione Europea non possono più dare sussidi all'agricoltura specificamente destinati all'allevamento di tori da combattimento. Di conseguenza, gli allevatori di tori ricevono meno soldi per le loro attività crudeli.

Alla fine anche delle buone notizie dal nostro movimento internazionale: il nostro partito gemello australiano Animal Justice Party ha ottenuto due seggi in due consigli comunali. Un risultato eccezionale! Un passo bellissimo e indispensabile per l'Australia. Il fatto che non è affatto un paradiso per gli animali in quel paese, lo ha dimostrato l’impressionante documentario Dominion (consiglio: guardatelo). Prima un rappresentante del popolo del Animal Justice Party, Andy Meddick, ha fatto impressione a livello mondiale con il suo primo discorso nel parlamento. Per chi cerca ispirazione: guarda il suo intervento qui sotto. Momento di pelle d'oca garantito!

Attieniti ai tuoi ideali e alla prossima volta!

Esther Ouwehand
Capogruppo Partito per gli Animali

Dovete accettare i cookies prima di poter guardare questo video

Primo discorso nel parlamento del parlamentare di Animal Justice, Andy Meddick.