Economia


L'economia deve occuparsi di ciò che possiamo permetterci. Dal punto di vista finanziario, ma anche ecologicamente e socialmente. Non possiamo e non dobbiamo superare i limiti della Terra. E tutti hanno diritto alla loro giusta quota - specialmente gruppi vulnerabili: persone bisognose, persone nei paesi poveri e gli animali che popolano la Terra con noi. La crescita economica continua è un'illusione in un mondo con riserve finite e capacità limitata di ecosistemi. Eppure, la maggior parte dei governi basano la loro politica ciecamente sulla crescita economica. In questo contesto, i cittadini sono visti principalmente come consumatori e animali come mezzi di produzione o beni di consumo.

Un'economia in crescita non significa per definizione che la società stia bene o che i cittadini siano felici. Non più prosperità, ma più benessere deve essere la bussola della nostra collaborazione. Un ambiente di vita piacevole, aria pulita e una natura sana dovrebbero essere un contributo positivo per la nostra prosperità e il nostro benessere. Attività che danneggiano l'ambiente, la salute pubblica o il benessere degli animali, come l'industria del bestiame, le centrali elettriche a carbone e l'estrazione di gas, dovrebbero invece essere conteggiati come contributo negativo. Sfortunatamente, questo è il contrario nel sistema attuale.

Per determinare e orientare la politica, i governi devono quindi utilizzare indicatori che orientano verso un'economia sostenibile e solidale. La biodiversità, il benessere degli animali, i mezzi di sussistenza e un ambiente di vita pulito e sicuro sono fondamentali per questo.

Collegato

Marianne Blog: "Possiamo avere il vostro voto per favore?"

Le settimane scorse sono state piene di collaborazione con gli altri partiti per gli animali Europei. Abbiamo ad esempio organizzato insieme ai partiti PACMA e PAN la prima visione del documentario #Powerplant, a Portogallo (Porto) e Spagna (Madrid). Entrambi le visioni hanno attirato molti spettatori e alla fine parlavo col pubblico in una sessione di domanda e risposta. A Porto ero accompagnata ...